Piccolo principe

Percorso integrativo in danza classica. Laboratorio con esito performativo

Ideato e condotto da Sara Donati e Marina Maffioli

 

Lo studio della danza classica avvicina gli allievi ai grandi balletti narrativi della tradizione. Da secoli i danzatori hanno utilizzato la loro tecnica anche per raccontare favole come La bella Addormentata, Lo Schiaccianoci, Cenerentola e per interpretare ruoli di principesse, maghi e uccelli come ne Il Lago dei Cigni o ne L’Uccello di Fuoco.
Studiare danza significa quindi non solo imparare dei movimenti, la loro coordinazione, ma, attraverso questi, saper raccontare e interpretare.
Nell’età 8-13 anni già si conoscono passi e sequenze di passi e se anche non si è raggiunta la tecnica sufficiente per affrontare lo studio vero e proprio del repertorio classico, si è comunque in grado di raccontare e interpretare una storia con la tecnica che si è acquisita fino a quel momento. Perché non provare a danzare un’unica coreografia che racconti un’unica storia? Possibilmente scegliendo una storia familiare ai più, come lo sono le grandi favole dei balletti famosi, dove è più facile la lettura da parte del pubblico che già ne conosce il contenuto.
La scelta è quindi andata su Il Piccolo Principe di Saint-Exupéry, una storia conosciuta e tradotta in molte lingue, che racconta di un aviatore, bloccato nel deserto per un guasto all’aereo, e di un bimbo, il piccolo principe (venuto da un altro pianeta, il pianeta B-612 piccolo anch’esso perché grande come una casa), che è giunto sulla terra perché vuole proteggere una rosa, perché cerca una volpe da addomesticare, una pecora da nutrire e tanto altro ancora. Racconta di essere atterrato non solo sul nostro pianeta, ma di avere viaggiato incontrando altri pianeti strani come quello degli astronomi, quello dei lampionai, quello dei vanitosi e tutto ciò lo narra dialogando con l’aviatore solitario, aggiungendo anche un fiume di domande senza mai dare spiegazioni, né rispondere al perché di domande un po’ strambe.
Una storia forse enigmatica, ma comunque un viaggio poetico di uno strano bambino che non capisce e critica il mondo degli adulti, una storia che offre molti spunti per una costruzione coreografica.

Informazioni

Durata del progetto

da ottobre 2022 a maggio 2023
n. 7 incontri di 3 ore ciascuno + n. 2 prove generali + performance, per complessive 30 ore

Insegnanti in compresenza

Sara Donati, Marina Maffioli

Calendario

  • domenica 23 ottobre 2022
  • domenica 6 novembre 2022
  • sabato 3 dicembre 2022
  • domenica 22 gennaio 2023
  • domenica 19 febbraio 2023
  • domenica 5 marzo 2023
  • domenica 19 marzo 2023

Orario incontri (a rotazione per ogni classe)

  • dalle ore 10 alle ore 13
  • dalle ore 14 alle ore 17
  • dalle ore 17 alle ore 20

Prove generali

  • sabato 15 aprile 2023
  • sabato 13 maggio 2023

orario: dalle ore 15 alle ore 18

Performance (presso la nostra scuola)

  • sabato 13 maggio 2023
  • domenica 14 maggio 2023

Sede di Granarolo dell'Emilia

Via San Donato, 74/17
Tel. +39051505528 - cell. +393756614378
Mail segreteria.ge@mousike.it

Sede di San Giorgio di Piano

Centro Sportivo Paolo Zanardi
Via Argelato, 1
Tel. +39051505528 - cell. +393755072577
Mail segreteria.sg@mousike.it

FAR Formazione Azione Ricerca in danza 

Via Viadagola, 82
40057 Granarolo dell’Emilia (BO)
C.F.: 91404310376
P.IVA: 03901181200

Seguici su

Corso danzeducatore

© 2022. All rights reserved. Powered by Mediaticaweb

TORNA SU